Reiki Puglia

Meditazione

Nell’immobilità della mente,
nella profondità della meditazione
l’incondizionato si rivela.
(Bhagavad Gita)

Meditazione-sulla-luce

La meditazione

Per intraprendere con successo un percorso spirituale è fondamentale potersi dedicare quotidianamente alla pratica della meditazione.

La meditazione è la via diretta per chi vuole raggiungere una pace interiore sempre più stabile e una esperienza del Sé sempre più profonda. Ma, per ottenere questo successo dobbiamo vincere la battaglia interiore che quotidianamente si combatte nella nostra mente spesso soggiogata dalla potente illusione provocata da maya. Come disciplinare l’attività di questo potente organo in modo sicuro, naturale e semplice? Come arrivare a vincere “citta vritti niroda” ovvero come porre fine alle modificazioni, alle perturbazioni che agitano la mente?
Quello della meditazione appunto,  è un valido percorso per raggiungere questa meta e per realizzare
chi siamo veramente.

La meditazione sulla luce: una pratica che porta dritto alla meta

Esistono molti modi per meditare. Tra questi la Meditazione sulla Luce, ispirata da Sri Sathya Sai Baba, costituisce uno tra i più semplici, ma allo stesso assolutamente straordinari sistemi che l’umanità abbia mai ricevuto in donoE’ senza rischi, sicura e porta diritto alla meta. Inoltre, la luce è senza forma, è eterna, è divina. Ma soprattutto c’è amore. L’amore è la suprema via regale che porta a Dio. Dio è amore.

Il Seminario

La Meditazione sulla Luce è insegnata da Shihan Fabio Squadrone, discepolo diretto di Sathya Sai Baba.
Il seminario offre un insieme completo di pratiche e insegnamenti che rendono possibile procedere in modo sicuro e autonomo nell’arte della meditazione.

PROGRAMMA
– Cos’è la meditazione
– Cambiare stile di vita per meditare
– I consigli di Krishna nella Gita
– Concentrazione, contemplazione, meditazione, samadhi
– La Meditazione sulla Luce, il metodo rivelato da Sathya Sai Baba
 

Concluso il seminario tutti potranno meditare autonomamente: inizialmente anche solo 15 minuti al giorno saranno sufficienti per avere già i primi benefici. Il seminario è rivolto a chi comincia ma anche a chi, già avviato alla meditazione, vuole sperimentare una pratica dalle eccezionali potenzialità.

Verranno introdotti cenni sugli Yoga Sutra di Patanjali e riportati alcuni fondamentali insegnamenti si Sri Krishna, dal sesto capitolo della Bhagavad Gita dedicato al Dhyana Yoga, per avere una visione più ampia e completa della materia. Saranno dati consigli anche sull’uso del “japa mala” e vi sarà un approfondimento su significato e pratica della OM e di alcuni mantra vedici.

L’abbigliamento dovrebbe essere comodo, e sarà utile uno scialle da tenere sulle spalle. Sarà dato un piccolo manuale per cui non è strettamente necessario prendere appunti. Se possibile prepararsi con un’alimentazione vegetariana e comunque moderata. Il seminario che ha una durata di circa 4 ore.

Approccio materiale o spirituale?

baba manoTra coloro che hanno avuto un approccio a qualche tecnica di meditazione, molti si attendono da essa vantaggi di natura materiale. È noto, infatti, come la meditazione sia in grado di apportare al praticante benefici terapeutici ad ampio spettro, dalla remissione di stati fisiopatologici alla soluzione di annosi problemi psichici, oltre ad una condizione di vita più sopportabile, per non dire fortunata. Ma vi prego di porvi una domanda: quale sarà il progresso per colui che si rivolge ad una tecnica dello spirito per fruire unicamente di vantaggi materiali? Vi saranno solo dei benefici temporanei ed effimeri mentre, la conoscenza del Sè equivale alla scoperta del tesoro più prezioso. A tal proposito Sai Baba afferma: “Sfortunatamente, in quest’epoca che vive sotto l’influsso delle tenebre (Kali Yuga), la meditazione, che è il mezzo sacro per ottenere l’unione con Dio, viene considerata come un farmaco in alternativa all’aspirina, per guarire un’emicrania!”

Prossimo seminario